Categorie
Apprendimento Crescita personale Meditazione Psicologia

Le meditazione può influire sul rendimento scolastico: bastano pochi minuti per vedere i primi risultati

Studiare è una delle attività più amate e odiate: per molti, soprattutto i più giovani, è per lo più inutile e noiosa, per altri è il sale dell’esistenza intellettuale di un individuo.

Per entrambe queste categorie di persone esiste uno strumento efficacissimo che aiuterà i primi a ottimizzare gli sforzi e i secondi ad avere una mente sempre pronta e attiva: la meditazione.

Fare meditazione dà una marcia in più: è dimostrato!

Come sempre, oltreoceano, da questo punto di vista si è assai più avanti: la meditazione, come lo yoga, è un’attività estremamente diffusa e apprezzata e le ricerche in merito a queste discipline sono molto elaborate.

Eppure la seguente notizia ha trovato ampio spazio sui maggiori giornali mondiali: dal Telegraph all’Huffigton Post (e, per amor del vero, anche sull’italianissima La Stampa) è stato lungamente commentato uno studio della George Mason University e della University of Illinois in merito agli effetti della meditazione su una classe di studenti del college iscritti alla facoltà di psicologia.

Sottoposti a un esame, la differenza di rendimento tra dei ragazzi che avevano praticato qualche minuto di meditazione e i loro colleghi è stata portentosa, tanto da poter stabilire ex ante chi potesse superare il test. Tali benefici sarebbero addirittura più importanti per gli studenti del primo anno che probabilmente hanno qualche difficoltà di concentrazione in più rispetto ai senior.

Spiega Jared Ramsborg, uno dei ricercatori dell’Università dell’Illinois che ha contribuito alla sperimentazione: “Personalmente ho trovato la meditazione in grado di garantirmi maggiore lucidità, concentrazione e autodisciplina. Sono stati sufficienti sei minuti di test per avere dei risultati assai migliori rispetto a chi non aveva praticato la meditazione”.

Gli fa eco Youmans, professore di psicologia: “I risultati di questo test suggeriscono che la meditazione può aiutare coloro che hanno difficoltà nel mantenere l’attenzione”. Almeno teoricamente gli stessi benefici possono avere luogo anche grazie ad altri tipi di auto-riflessione consapevole come la preghiera, una camminata, o il semplice fermarsi a pianificare la propria giornata, eppure gli effetti della meditazione non possono essere trascurati.

Altri studi sui benefici della meditazione per gli studenti

La ricerca di cui sopra è solo l’ultima di una serie di approfondimenti in merito ai benefici di tale pratica. Uno studio dell’Università di Santa Barbara pubblicato a Marzo 2013 sul Journal Psychological Science rendeva noti i benefici della meditazione prima dell’esame orale del GRE, il test cui devono sottoporsi gli studenti per entrare al college. I ricercatori coinvolti nell’esperimento hanno commentato: “Lo studio dimostra che la meditazione è un’efficace tecnica per migliorare le capacità cognitive”.

Spostiamoci un poco e passiamo al mondo dell’arte. È nota la passione per la meditazione trascendentale da parte del famoso regista David Lych: egli ha dato vita a una fondazione no-profit – la David Lynch Foundation For Consciousness – Based Education and Peace – per mezzo della quale ha investito un milione di dollari nell’organizzazione dei corsi di meditazione rivolti agli studenti alla Maharishi University of Management, nello Stato americano dello Iowa.

Proprio da questo centro di studio, ecco l’interessante contributo del professor Fred Travis che da anni conduce delle ricerche in merito ai benefici della meditazione trascendentale.

Un filone di indagine che il professore ha battuto è quello riguardante cambiamenti del cervello durante la meditazione ma, per rimanere fedeli al nostro tema, ha condotto anche degli studi che dimostrano un sensibile miglioramento dell’attività cerebrale e delle capacità linguistiche negli studenti con disturbo dell’attenzionepraticanti la meditazione, tanto a livello di prestazioni scolastiche che di benessere personale in termini di minore ansia e stress.

Ormai le ricerche e i dati che la comunità accademica ha in mano dimostrano che dubitare degli effetti positivi della meditazione non è che un’oziosa chiusura dato che quello di cui in oriente si è consci da millenni ha trovato una sua validità scientifica.

Non importa il tipo di meditazione scelta – ce ne sono moltissimi- perché ognuna porta alla stessa meta: riuscire ad acquietare il chiacchiericcio della mente per trovare il proprio tempio interiore. Un luogo dove regna il silenzio e la pace la cui ricerca è un affascinante viaggio che dura una vita intera.

Meditare, sì, ma come?

Di seguito, vedi anche il video dell’intervista dove il prof. Travis spiega cosa avviene al cervello durante la meditazione

Categorie
Comunicazione

Cos’è davvero l’ascolto attivo?

Ascoltare Attivamente. Detto cosi sembra intuitivo, suggerisce l’idea di un ascolto attento. Sicuramente è cosi ma non solo. Significa ascoltare con l’intenzione di capire cosa il nostro interlocutore ci sta comunicando. Anche questo puo’ sembrare una operazione ovvia o banale ma non lo è. Ascoltare per capire significa sospendere il giudizio sull’interlocutore e su quel che ci sta dicendo. Ne siamo capaci? In potenza si, ma l’ascolto attivo prevede un profondo lavoro su se stessi per predisporsi alla comprensione del messaggio del nostro interlocutore e di esso stesso. La maggior parte delle volte la nostra mente vola alla ricerca del “punto” prima ancora che ci sia stato detto. Mentre il nostro partner, collega, amico, genitore, o cliente o estraneo ci parla, Il nostro “Sistema 1” ovvero quella parte del nostro sistema cognitivo che si occupa automaticamente, istantaneamente ed indipendentemente dalla nostra volontà, galoppa alla ricerca di una spiegazione veloce, facile e congruente, riconducendo l’oggetto della comunicazione in entrata alla cosa piu simile che abbiamo esperito direttamente o indirettamente nella nostra vita. Poco importa se nel nostro archivio non c’è una risposta pertinente. il nostro sistema cognitivo involontario ne trova una, e la fa andare bene. Quindi cosa possiamo fare per ascoltare per capire? per ascoltare davvero? Provo a sintetizzare in pochi punti alcuni suggerimenti:

  • Sospendere l’affermazione del proprio Ego. “Si ma io…, Anche Io ho fatto questo… Io pero’… etc”. Mettiamolo a riposo il nostro Ego che scalpita ad ogni affermazione del nostro interlocutore
  • Spegniamo il Giudizio sul nostro interlocutore dice e su di lui. Anche se non la pensiamo come lui, anche se non si veste come piace a noi o come noi pensiamo che sarebbe giusto in quell’occasione. Mettiamo da parte la classifica che facciamo quasi senza accorgercene tra noi e gli altri. Per ascoltare e capire davvero dobbiamo togliere ogni ostacolo e barriera tra noi e la persona con la quale dialoghiamo. Chiunque esso sia.
  • Ci vuole Pazienza. Con la P maiuscola. Lasciamo il tempo necessario alla persona che ci sta di fronte di esprimersi. Anche quando non è rapido e preciso. Non dobbiamo simulare pazienza scalpitando ad ogni pausa o ticchettio del nostro orologio. Per ascoltare e capire dobbiamo spalancare le porte della nostra mente e della nostra attenzione per ricevere un messaggio. Non solo per questo. Ma anche per sintonizzarci sulla lunghezza d’onda di chi ci parla.
  • Empatia. Assumiamo il punto emotivo di chi ci parla. Gioiamo con lui. Soffriamo con lui. Autenticamente. Empatia significa comprensione. Lasciamo che i nostri neuroni specchio risplendano delle emozioni che il nostro interlocutore sta provando. Saranno una chiave di decodifica della complessità del messaggio che stiamo ricevendo.
  • La macchina del tempo. Lasciamo perdere il passato e il futuro. Concentriamoci sul presente e solo sul presente. Pensare a cosa è accaduto e a cosa potrebbe accadere ci distrae e ci impone di attivare il blocco dei giudizi. Qui ed Ora. Non serve altro.
  • Generosità. Per ascoltare e capire dobbiamo essere generosi, donare tempo, con interesse e pazienza. Non dobbiamo risparmiarci.
  • Gentilezza. A volte associamo la gentilezza alla debolezza. Nulla di più fuorviante. Un atteggiamento gentile ci pone nel giusto stato d’animo per l’ascolto attivo. Comunica al nostro interlocutore che gli dedicheremo la nostra attenzione ed il nostro tempo valorizzando quello che ha da dirci.

Sembra difficilissimo vero? forse all’inizio. Ma come in ogni attività importante è necessario avere la mentalità del principiante. Mettersi nella condizione di cominciare con curiosità ed entusiasmo. I risultati non tarderanno ad arrivare.

Categorie
Psicologia

Cos’è la dissonanza cognitiva?

Vi è mai capitato di pensare una cosa e poi farne un’altra senza rendervi conto di avere due idee incompatibili? Situazioni di questo tipo vi causano tensione o malessere? Si chiama dissonanza cognitiva. 

Che cos’è la dissonanza cognitiva?

In psicologia la dissonanza cognitiva è definita come la tensione o il disagio che proviamo quando abbiamo due idee opposte e incompatibili o quando le nostre credenze non corrispondono a quello che facciamo.

Cosa facciamo di fronte alla dissonanza cognitiva?

Quando proviamo tensione o disagio di fronte all’esistenza di due idee incompatibili, cerchiamo di eliminare o di evitare la situazione scomoda e le informazioni che possono alimentarla. Cerchiamo, quindi, di ridurre la dissonanza. Per fare questo, ci sono diversi modi, come cambiare comportamento o atteggiamento, cambiare l’ambiente o aggiungere nuove informazioni e conoscenze. Così, scopriremo che tutti siamo caduti nella dissonanza cognitiva. Ad esempio, quando non andate in palestra anche se è un impegno settimanale, quando mangiate cioccolato anche se state seguendo una dieta, quando desiderate qualcosa e non potete ottenerla, allora la criticate, sottovalutandola, quando fumate una sigaretta anche se il vostro medico l’ha proibito o quando avete comprato qualcosa che non risponde alle vostre aspettative. Il fatto di non andare in palestra va contro il desiderio di “perdere i chili di troppo” o quello di “condurre una vita sana”. Ormai non siete andati in palestra, quindi cos’è più semplice, cambiare qualcosa che avete fatto in passato, cambiare un’abitudine o cambiare ciò in cui credete?

L’opzione più semplice è l’ultima. Aggiungete nuove credenze, cambiando quelle che già avete o togliendo loro importanza per eliminare l’incoerenza. “Se uno va in palestra, si nota dopo un po’ di tempo, non succede nulla se non sono andato una volta”, “Per una volta, non cambia niente”, “Andrò la settimana prossima”. Potete cambiare le vostre credenze in molti modi, mantenendo il vostro obiettivo finale, ovvero quello di dare valore all’opzione scelta rispetto all’alternativa scartata. Lo stesso discorso vale per gli altri esempi.

Prima agisco, poi mi giustifico

Come potete vedere, la dissonanza cognitiva spiega la tendenza all’autogiustificazione. L’ansia e la tensione legate alla possibilità di aver preso una decisione sbagliata o di aver fatto qualcosa nel modo scorretto possono portarci ad inventare nuovi motivi o giustificazioni per appoggiare la nostra decisione o azione. Allo stesso tempo non sopportiamo due pensieri contraddittori o incompatibili, quindi giustifichiamo la contraddizione anche con nuove idee assurde. Bisogna sottolineare che la dissonanza cognitiva si verifica quando abbiamo libertà di scelta per quanto riguarda il modo di agire. Se ci obbligano a fare qualcosa contro la nostra volontà, non c’è questa tensione. Anche se convincerci che siamo stati obbligati può servire da autogiustificazione per ridurre il malessere.

Ma è un male ridurre la dissonanza?

All’inizio no, perché è un meccanismo che inneschiamo per il nostro benessere. L’importante è essere consapevoli che lo si sta utilizzando per non cadere nell’autoinganno. Ad esempio, nel caso di una rottura con il partner o di un amore non corrisposto, ci giustifichiamo dicendo “Sapevo che non avrebbe funzionato”, “Non ne valeva la pena”, “Non era come pensavo”, quando dentro di noi proviamo dolore ed è difficile ammetterlo. Questo meccanismo si osserva anche nelle persone con poca autostima, sono infatti persone che non si amano molto e mentono a se stesse per nascondere quelle che considerano debolezze, creando così delle corazze e maschere che non fanno trasparire quello che provano davvero. E cosa succede? Succede che gli altri le trattano come pensano che siano, in base, cioè, alla maschera che indossano. Di conseguenza, si sentiranno incomprese. Per questo è molto importante sapere che si sta utilizzando il meccanismo della dissonanza cognitiva, per non arrivare all’autoinganno, alle critiche e alle bugie.